4. Pontevico - San Matteo delle Chiaviche

Partenza
Pontevico
Arrivo
San Matteo delle Chiaviche
Lunghezza totale
78.1 km

Un susseguirsi ordinato di campi coltivati, interrotto qua e là da una cascina, una pieve romanica, una quercia maestosa, un boschetto di salici, immerso in un silenzio irreale, dove tutto sembra immobile. Così appare il paesaggio attraversato dall’Oglio nel suo tratto finale, in cui ormai giunto nel cuore della media pianura cremonese e mantovana e ricevute le acque del Mella e del Chiese, si immette nel Po, dopo un viaggio di 280 km.

Nell’ampia pianura, ove il fiume si distende, il corso si fa via via più lento e le sponde si allargano in pendii dolci: qui, per un tratto di circa 70 chilometri, il territorio lambito dal fiume è protetto dal 1988 come Parco Regionale. Il fiume scorre lento a meandri e le aree golenali spiccano nella campagna per le imponenti masse dei pioppeti e per le dense bordure a salice bianco.

Abitato sin dal mesolitico, luogo di passaggio e di incontro delle popolazioni italiche con quelle del resto dell’Europa, il territorio del fiume Oglio conserva evidenti le tracce del passato: castelli, rocche e insediamenti strategici, piazze rinascimentali e, più recenti, gli imponenti manufatti della bonifica dei primi del novecento. Angoli di natura lungo il fiume, paradiso per gli aironi e rare specie di insetti, le aree di interesse naturalistico si snodano lungo i percorsi arginali: le Lanche di Runate e Gerre Gavazzi, ecomosaico di lanche e ambienti umidi a vario stadio di evoluzione; le Bine, sede di un attivo centro-visite, che ospita un’intensa attività didattica e di animazione culturale; le Torbiere di Marcaria, una delle ultime testimonianze di ambienti paludosi, ben conosciuta dagli ornitologi per l’insediamento di una garzaia di alcune centinaia di coppie di aironi, visibili facilmente dagli osservatori; il Canale Bogina, con un percorso ciclabile che consente interessanti scoperte di tipo naturalistico, storico-architettonico ed enogastronomico. Altri percorsi corrispondenti ad ambienti naturali del Parco Oglio Sud, sono il percorso “Le Margonare”, che collega gli abitati di San Martino dall'Argine (MN) e Belforte, località del Comune di Marcaria (MN), alle Torbiere di Belforte e si snoda in un ampia area umida attrezzata corrispondente a un antico meandro del fiume Oglio, ed il percorso “Ponte della barca”, nato allo scopo di riproporre i luoghi di un'antica via di comunicazione la cui importanza storica è ampiamente testimoniata dalla presenza di ben cinque Pievi romaniche che dimostrano la sua esistenza anche per quei tratti ove il tracciato è andato perduto nel corso della storia. Alla confluenza tra Oglio e Po, si attraversa il fiume sul ponte di barche di Torre d’Oglio, un emblema del fiume, della sua storia, degli uomini che vi hanno vissuto.

È una zona ideale per un turismo full-immersion nella natura fluviale e rurale.

Qui, dopo 280 km e 5 Provincie attraversate, l’avventura del Bike Tour dell’Oglio si conclude presso lo scenografico Ponte di Barche di San Matteo delle Chiaviche, uno dei pochi esempi ancora attivi.

SCARICA LE MAPPE

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=/it/resource/statictrack/pontevico-san-matteo-chiaviche/&src=sdkpreparse
loading